l’Associazione di Promozione Sociale Amici di Casa Jorn

in collaborazione con l’Associazione Culturale Arteam

 

promuovono la mostra

 

GIANLUCA QUAGLIA:

UNA CERTA COSA O L’ALTRA

 

CASA MUSEO JORN (MuDA)

dal 17 maggio al 1 luglio 2018

 

Inaugurazione giovedì 17 maggio 2018 alle ore 18

Via Gabriele d'Annunzio, 6-8 (Località Bruciati), Albissola Marina (Savona)

Con il patrocinio di

COMUNE DI ALBISSOLA MARINA

 

Media partner

ESPOARTE

 

La mostra Una certa cosa o l’altra comprende opere realizzate in passato e lavori inediti di Gianluca Quaglia (Magenta, 1978), vincitore nell’Arteam Cup 2017 del premio speciale promosso dagli Amici di Casa Jorn per la realizzazione di un’installazione nello studio di Asger Jorn. La tematica del paesaggio, al centro della ricerca di Quaglia come connubio tra uomo e natura, si inserisce in modo problematico e fertile nel contesto della Casa Museo Jorn, caratterizzata da un rigoglioso giardino mediterraneo nel quale architettura, scultura e natura si fondono in modo organico e privo di gerarchie prestabilite. Una certa cosa o l’altra è anche il titolo dell’installazione centrale in porcellana, realizzata collaborativamente, secondo un modus operandi utilizzato dallo stesso Jorn, che afferma con forza il ruolo di protagonista assegnato al fruitore che, di fronte alle varie opere, è in grado di integrare ed espandere la propria idea di paesaggio. Tutte le opere, e con esse il dialogo con il pubblico, lambiscono i confini di una certa idea di natura, in cui i cicli stagionali e i passaggi di stato, maturano in noi lo stupore e, al contempo, uno sguardo analitico verso l'esterno ma anche l'interno del nostro mondo.

 

artista: Gianluca Quaglia

titolo: Una certa cosa o l’altra

promossa da: Associazione di Promozione Sociale Amici di Casa Jorn e Associazione Culturale Arteam

a cura di: Luca Bochicchio, con la collaborazione di Stella Cattaneo e Diego Drago

con il patrocinio di: Comune di Albissola Marina

media partner: ESPOARTE

sede: Casa Museo Jorn

Via D'Annunzio 6-8, Albissola Marina (17 maggio – 1 luglio)

orari di apertura:

Martedì 9-12   Giovedì 15-17

Sabato e Domenica (Maggio) 11-13 / 14-17 (Giugno) 10-13 / 16-19 (Luglio) 10-13 / 16-20

info e contatti: www.amicidicasajorn.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – FB: @casa museo jorn

Il Comune di Albissola Marina e

l'Archivio di Arte Contemporanea dell'Università di Genova

promuovono la mostra

 

MARIO ROSSELLO. VISIONE POSTUMANA

 

MuDA Albissola Marina:

Centro Esposizioni / Casa Museo Jorn / Fornace Alba Docilia /

Balestrini Centro Cultura Arte Contemporanea

 

dal 12 maggio al 17 giugno 2018

 

Inaugurazione sabato 12 maggio 2018 alle ore 17

Centro Esposizioni MuDA

Via dell'Oratorio 2, Albissola Marina

 

A seguire, dalle 19 aperitivo presso lo Studio di Architettura Peluffo (Pozzo Garitta, Albissola Marina), già studio di Lucio Fontana e Mario Rossello.

 

 

La mostra, promossa e finanziata dal Comune di Albissola Marina, con il contributo della Fondazione Agostino De Mari, è a cura di Luca Bochicchio, con la collaborazione di Serena Aschero, Stella Cattaneo, Diego Drago

 

 

Un progetto corale, che affronta particolari aspetti dell’opera di un maestro italiano dell’arte e della cultura del Novecento: Mario Rossello. Un progetto che asseconda la vocazione del MuDA, il Museo Diffuso di Albissola Marina, dislocando l’esposizione in diverse sedi, pubbliche (Centro Esposizioni, Fornace Alba Docilia, Casa Museo Jorn) ma anche private aderenti al MuDA (Balestrini Centro Cultura Arte Contemporanea).

La mostra Visione Postumana affronta alcuni aspetti centrali nella poetica di Mario Rossello, primo fra tutti il confronto fra “natura” e “civiltà delle macchine”. Come cambia l’idea e la sostanza della natura nel mondo industrializzato e urbanizzato contemporaneo? E come cambia, di conseguenza, il ruolo dell’uomo, conteso, quasi schiacciato tra natura e tecnologia? Sono questi alcuni degli interrogativi fondamentali che Rossello si pose in anticipo rispetto alle spinte sociali, filosofiche e politiche dell’ecologismo degli anni ’60-’70. Nella convinzione che l’arte in ogni epoca sia un dono dell’uomo all’uomo, per riflettere sulla sua esistenza e sul suo rapporto con il mondo, proponiamo con questa mostra, e grazie a Mario Rossello, una lettura sulla nostra attuale condizione effettivamente “postumana” giocata sul dialogo spesso conflittuale tra uomo, natura e tecnologia. Il percorso espositivo si snoda nelle diverse sedi focalizzandosi di volta in volta su una tematica chiave dell'opera di Rossello: la figura umana in cerca di nuove aggregazioni con la natura e la macchina (Oltre Uomo), ibridazioni totemiche e robotiche verso una riconciliazione simboleggiata dall'albero (Città Macchina Albero), una natura bucolica e selvaggia (Oltre Natura), tutti elementi che vengono riproposti anche nel design d'interni (Un'Idea di Design).

 

Mario Rossello (Savona 1927-Milano 2000) è stato un protagonista dell’arte italiana del secondo ‘900. Nonostante nella maturità l’artista abbia vissuto prevalentemente a Milano e Parigi, fin dall’esordio nei primi anni ’50 la sua presenza ad Albisola è stata costante nel tempo. Rossello era infatti un attivo membro di quella “comunità” artistica internazionale che ad Albisola, fra anni ’50 e ’60, raggiunse il suo culmine. Negli anni successivi alla morte di Lucio Fontana (1968), Tullio d’Albisola (1971), Asger Jorn (1973) e Wifredo Lam (1982), Rossello rimase fino alla fine del secolo, con il suo grande amico Agenore Fabbri, fra i pochi testimoni attivi di quella grande stagione di ricerca internazionale e collettiva. La sua opera è oggi conservata in numerosi musei d’arte moderna e contemporanea e in sedi pubbliche.

 

 

 

MARIO ROSSELLO. VISIONE POSTUMANA: SEDI E ORARI

 

 

Centro Esposizioni

Via dell'Oratorio 2, Albissola Marina (12 maggio – 17 giugno)

Mar-Gio 10-12/16-18, Ven 10-12, Sab 16-18, Dom 17-19

[dal 15 giugno da Mar a Sab 10-12 / 17-19
Dom 17-19]

 

 

Casa Museo Jorn

Via D'Annunzio 6/8, Albissola Marina (12 maggio – 17 giugno)

Mar-Gio 9-12/15-17, Sab-Dom 11-13/14/17

[dal 1 giugno
10-13 / 16-19]

 

 

Fornace Alba Docilia

Via Stefano Grosso 24, Albissola Marina (12 maggio – 3 giugno)

Gio 17-19, Sab-Dom 10-12/17-19

 

Balestrini Centro Cultura Arte Contemporanea

Via Isola 40, Albissola Marina (12 maggio – 10 giugno)

Gio 17-19, Sab 10-12/17-19, Dom 10-12

AZIONE PERFORMATIVA INEDITA DI LOREDANA LONGO

21 ottobre 2017 ore 17

 

Si conclude il 21 ottobre il viaggio del progetto site-specific di Loredana Longo (Catania, 1967), intitolato Another Break in the Wall ed inaugurato a Casa Museo Jorn lo scorso 12 luglio. 

Loredana Longo è da poco rientrata in Italia da New York dove, nella sede del Consolato Italiano, ha presentato il suo primo catalogo antologico (Gli Ori), che include le tre opere realizzate per lo studio di Jorn. 

Alle ore 17 di sabato 21 ottobre, in presenza del Sindaco di Albissola Marina Gianluca Nasuti e dell'Assessore alla Cultura Nicoletta Negro, Loredana Longo realizzerà una performance inedita, che coinvolgerà direttamente l'installazione Piedediporco #1. La performance è aperta al pubblico e sarà seguita da un aperitivo in giardino

La mostra Another Break in the Wall, a cura di Irene Biolchini e Luca Bochicchio, è stata promossa dal Comune di Albissola Marina e dalla Associazione Amici di Casa Jorn, con il contributo del Gruppo ACCA, della Fornace Eugenio Casetta e di Espoarte come media partner, con un ringraziamento particolare a Francesco Pantaleone Arte Contemporanea.

NUMERO ZERO: PERFORMANCE DI DANZA CONTEMPORANEA NEL GIARDINO DI CASA MUSEO JORN

Sabato 28 ottobre 2017

17.00/18.30/20.00

 

Nella suggestiva cornice del giardino di Casa Museo Jorn, avrà luogo il Numero Zero, anteprima di teatro-danza: Stammi vicino c'è un cobra in giardino

La performance itinerante della durata di mezzora, si svolgerà in tre repliche: ore 17.00, ore 18.30 e ore 20.00. L'itinerario, che si snoda tra le fasce e le piazzette del giardino, è scandito da azioni sceniche e coreografiche nel linguaggio della danza contemporanea. Il percorso evoca artisti che sono nati e hanno viaggiato, come Asger Jorn, in Liguria e nel contempo rende omaggio all'artista danese portando un'arte da lui molto amata, il teatro, nella sua casa. Lo spettacolo, che ha l'obiettivo di valorizzare gli spazi e l'atmosfera del giardino, è organizzato in sei quadri, ispirato a celebri brani poetici di autori come Calvino, Maupassant, Soldato, Montale e De André. La musica, la parola, gli attori condurranno il pubblico in un viaggio a ritroso nella memoria, tra affinità elettive e scoperta dei luoghi. Due personaggi guida con lucerne accompagneranno il pubblico negli spostamenti.

Regia di Stefano Falco e coreografie di Alessandra Schirippa.

Ingresso gratuito su prenotazione (obbligatoria). 

Per info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In caso di maltempo spettacolo unico alle 20.30 presso il MuDA - Centro Esposizioni in via dell'Oratorio 2 di Albissola Marina.